facebookgoogle +twitterbloggertwitter
Log In

Accedi

Hai dimenticato la password?

Carrello Subtotale: € 0,00

Gabriele D'Annunzio - Il piacere

Recensisci per primo questo prodotto

Disponibilità: In magazzino

€ 0,99

Breve descrizione

Formato epub


 Andrea Sperelli, identificabile con lo stesso D’Annunzio, è un giovane aristocratico, un artista che distrugge il proprio animo nell’intento di attraversare la vita.


 Per saperne di più leggete in basso la quarta di copertina

Clicca sull'immagine principale per ingrandire e spostarsi

* Campi obbligatori

€ 0,99

Il piacere (1889), primo romanzo scritto da D’Annunzio, è un testo in cui si manifesta la crisi e l’insoddisfazione dell’esteta, trincerato nello sdegno, nel culto di una bellezza sfiorita e nell’isolamento causato a livello sociale dall’ascesa di una nuova classe: la borghesia industriale. Il protagonista, Andrea Sperelli, identificabile con lo stesso D’Annunzio, è appunto un giovane aristocratico, un artista che distrugge il proprio animo nell’intento di attraversare la vita. La crisi interiore scaturisce da un ulteriore contrasto tra due amori: da un lato si staglia Elena Muti, la donna fatale, dall’altro l’angelo Maria Ferres, la donna pura. Lo scontro tra i diversi piani di livello su cui poggiano i due desideri lo dilania, lasciandolo sconfitto. Da analizzare resta il rapporto tra D’Annunzio e il suo protagonista; se, infatti, egli scioglie la parola in critiche, al contempo risente del fascino che Andrea emana attraverso le sue pagine. L’impianto narrativo si lega ancora allo stile tipico del realismo e del verismo, ma l’analisi di intimi stati d’animo e turbamenti interiori lasciano ampio spazio a scorci di romanzo psicologico. La trama inoltre è apprezzabile per i continui rimandi che avvenimenti e fatti concreti fanno verso il simbolismo allusivo che sotto di esso si nasconde.




Gabriele D’Annunzio, principe di Montenevoso, nasce a Pescara il 12 marzo 1863 ed è senza dubbio uno degli intellettuali più importanti del primo ’900. Scrittore e poeta di rara sensibilità affiancò all’attività culturale la vita politica e militare. Conosciuto come il “Vate”, cioè il profeta, raggiunge la notorietà con il romanzo Il piacere (1889). Tra i massimi esponenti del decadentismo influenzò notevolmente anche la vita politica e civile italiana, finendo tra l’altro per anticipare attraverso la famosa impresa di Fiume il rapporto fra il “capo” e la massa, tipico del successivo fascismo; celebri in tal senso restano i suoi discorsi. Muore a Gardone Riviera il primo marzo 1938.

Scrivi la tua recensione

La tua recensione: Gabriele D'Annunzio - Il piacere

Informazioni Aggiuntive

Autore Gabriele D'Annunzio
Tipologia Narrativa
Genere Romanzo
Isbn 9788898369386
N. Pagine No
Formato Epub
Protezione Social drm
Lingua Italiano

Tag prodotto

Usa gli spazi per tag separati. Usa apostrofi singoli (') per frasi.